Diario di viaggio in Irlanda: la splendida scogliera delle Cliffs of Moher

Cliffs of Moher

 

Non si può visitare l’Irlanda senza passare per le Cliffs of Moher! Queste spettacolari scogliere, alte 214 metri e lunghe 8 km, a picco sul mare, si affacciano sull’oceano Atlantico e sono indubbiamente uno dei simboli più rappresentativi dell’Irlanda, capaci di attirare l’attenzione di migliaia di visitatori.

Per visitare le scogliere arriviamo fino a Doolin, nel Burren, quindi seguiamo le indicazioni che ci portano all’ampio parcheggio dove lasciamo l’auto e paghiamo il biglietto di ingresso di € 6,oo. Ci basta fare un centinaio di metri a piedi e la vista dall’alto della scogliera è da mozzare il fiato: l’oceano si apre davanti a noi, a perdita d’occhio e la scogliera si estende a destra e a sinistra in tutta la sua imponenza. L’atmosfera è veramente surreale, sembra di essere ai confini del mondo, circondati dal blu del mare, dal verde intenso dei prati, dai corvi e dai gabbiani che svolazzano liberamente, dalle mucche che pascolano dentro le aree recintate. Sì, è vero, c’è anche tanta gente, ma sembra sparire, assorbita dall’immensità di questo luogo. Soffia un vento fortissimo e freddo, nonostante siamo a fine agosto, e sebbene sia infagottata nella  mia inseparabile felpa e nel giubbino impermeabile, non nascondo che avrei preferito avere ancora qualcosa di più pesante addosso.

Cliffs of Moher

Dall’alto troneggia la Torre di O’Brien, che oggi è un osservatorio che promette una vista ancora più spettacolare. Non lasciatevi fregare da questi presupposti, sono solo € 2,00 buttati al vento, perché non si vede nulla di più e nulla di meno!

Avevo visto molte foto di questa scogliera e mi ero immaginata una visita ancora più emozionante, con la possibilità di percorrerla in lungo ed in largo, tuttavia sono rimasta delusa quando ad un certo punto mi sono trovata una sbarra che  mi impediva di andare oltre. A quanto pare parecchie persone sono volate giù dalla scogliera e per evitare ulteriori vittime di recente sono state messe le transenne. Che peccato, che delusione.

Mi consolo con una bella cioccolata calda e con una interessante visita al museo, dove è possibile anche vedere un filmato sulla vita nelle Cliffs of Moher attraverso gli occhi di un gabbiamo che prima vola in cielo e poi si immerge nell’oceano, facendoci scoprire le innumerevoli creature che affollano il mare.

Rassegnati imbocchiamo la via del ritorno quando ci imbattiamo in un volantino che pubblicizza una crociera attorno alla scogliera. Non posso perdermela assolutamente! L’ufficio del turismo vende i biglietti € 25,00 a persona. Un po’ eccessivi! Anche le biglietterie al porto ci fanno lo stesso prezzo, sembra che non ci siano molte alternative. Ma ad un certo punto veniamo chiamati a gran voce da un tizio che è l’esatta copia del tipico irlandese: capelli biondo/rossicci, occhi chiari, carnagione chiara e lentigginosa. Ci porta nel suo casotto e dopo una breve contrattazione, con un inglese chiaro che pure io riesco a comprendere, con € 25,00 ci vende 2 biglietti.

Con un po’ di scetticismo accettiamo. Praticamente prendiamo la stesa nave che prendono le persone che hanno pagato il biglietto il doppio del nostro. Come funzionano le biglietterie qui proprio non l’ho capito.

Breanan MórCon la crociera abbiamo una visione delle Cliffs of Moher dal basso. Da qui possiamo ammirare sotto una diversa prospettiva l’imponenza di questa scogliera e soprattutto possiamo passare sotto il Breanan Mór, lo sperone roccioso su cui sono state girate alcune scene del film Harry Potter ed il Principe Mezzosangue. Riusciamo anche ad intravvedere i puffin, dei particolari uccelli che vivono in questa zona, ma non ho l’attrezzatura fotografica adatta per immortalarli. La stessa crociera, dopo averci riportati al porticciolo, riparte per le isole Aaran. Sarebbe bello vedere anche quelle, ma non abbiamo molto tempo!

puffin
Photo by pixabay

Grazie alla crociera ho potuto appagare il mio desiderio di gustarmi il più possibile queste magnifiche scogliere. Un posto imperdibile che non deve assolutamente mancare se volete visitare l’Irlanda.

Informazioni su Giusy 73 Articoli
Nata e cresciuta a Palermo, appassionata di viaggi, fotografia e della sua terra di origine, ovvero la Sicilia. Sogna di visitare New York ed il Giappone.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.